Menu Chiudi

News – Elezioni comunali Modena 2019

CGIL, attua i blocchi illegali assieme agli ex nemici SI Cobas

MODENA VOLTA PAGINA, MA SCRIVE UNA PAGINA TRISTE

Italpizza: oggi a Modena si è scritta una pagina triste e inquietante. Per la prima volta in Italia un Sindacato Confederale, CGIL, attua i blocchi illegali assieme agli ex nemici SI Cobas con la partecipazione attiva del movimento politico di estrema sinistra Modena Volta Pagina

MODENA 21/05/2019 – Proseguono i blocchi illegali presso lo stabilimento Italpizza di Modena, fin qui nulla di nuovo. La notizia invece c’è. A fiancheggiatore il sovversivo SI Cobas,noto per essere autore di modalità illegali di manifestazione del dissenso, ora c’è la CGIL. Da ex nemici storici, ad amici per la pelle. A far da tramite per questo sodalizio è stata la sinistra “inutile” e demagogica di Modena Volta Pagina.

Le foto che circolano sui social sono imbarazzanti. Vedere le bandiere del rispettabilissimo sindacato CGIL mischiate a quelle dell’organizzazione SI Cobas, con il loro leader Milani recentemente condannato a oltre un anno di reclusione per violenza privata e con un loro rappresentante, Piccinini, condannato a oltre due anni per estorsione ai danni di AlcarUno, insieme in suolo privato, mentre facevano i blocchi illegali allo stabilimento Italpizza, apre inevitabilmente un serio problema politico sul territorio.

Se anche la CGIL inizia ad utilizzare il metodo della violenza e dell’illegalità, disertando i tavoli di confronto con gli altri sindacati confederali, cecando così di estorcere ed ottenere risultati che non otterrebbero CISL e UIL con la lotta sindacale consentita dalla legge, è evidente che praticherebbe il “dumping sindacale”. Come è evidente che gli effetti di questo nuovo scenario, non potranno che riversarsi su una perdita di attrattività del territorio a scapito dei livelli occupazionali.

Infine, c’è da chiedersi, come fa una come la Coriani acandidarsi a Sindaco della città per poi andare a fomentare la violenza anziché porsi come soggetto responsabile ed elemento di moderazione? Visto che non è la prima volta che era in zona Italpizza, come mai non ha voluto incontrato le RSA dell’azienda? Come mai non ha incontrato gli oltre novecento lavoratori che erano regolarmente al lavoro? Per timidezza? Oppure perché non avrebbe avuto alcuna utilitàelettorale? Penso che sia poco dignitoso speculare politicamente sulla pelle di centinaia di lavoratori.